ROMA - PREMIO 137 DERBY ITALIANO

Sezione dedicata alle corse al galoppo in Italia

Moderatori: Blackhorse, pierre, Dottò

Rispondi
Avatar utente
pierre
Skilled FFA
Skilled FFA
Messaggi: 344
Iscritto il: 30/05/2020, 15:41

ROMA - PREMIO 137 DERBY ITALIANO

Messaggio da pierre »

Corsa : 1) I-16.00-PR. CAPANNELLE TROTTO E.20.900 HANDICAP PRINC M.1600 (Trio)
Cavallo Fantino Peso Gabbia R.Scud.
1) FULMINIX ANT. FRESU 65 8
2) MR SANDMAN S. SULAS 60.5 9
3) TRASPORTER M. SANNA J. 60.5 1
4) EXCELEGRIF L.MANIEZZI 58.5 1
5) WIN THE BEST C.DEMURO 58.5 1
6) ASPETTATEMI (P) C. FIOCCHI 57.5 7
7) DON AURELIO (P) S.MULAS 57 2
8) DREAM PAINTER (P) S.BASILE 57 3
9) RATNARAJ (P) G.P. FOIS 56.5 1
10) THE FULL SWIPE M. ARRAS 56 4
11) ARMAGEDDON D. VARGIU 55.5 5
12) INFINITY DREAMER F. DETTORI 51.5 6

Corsa : 2) II-16.30-PR. CARLO D'ALESSIO E.71.500 GRUPPO 3 M.2400 (Trio)
Cavallo Fantino Peso Gabbia R.Scud.
1) AZZURRO COBALTO G. MOSSE' 55 8
2) BLU NAVY SEAL C.DEMURO 55 2
3) BRIDGE JAZZARAAT M. FRANCO ACOSTA 55 1
4) FAMBRUS (P) D. VARGIU 55 3
5) FRUTIREU D. DI TOCCO (A) 55 5
6) PRETENDING (P) F. BRANCA 56 4
7) TIME SHANAKILL L.DETTORI 55 6
8) WALDERBE MI. MICHAEL 55 7

Corsa : 3) III-17.05-PR. ENZO E TULLIO MEI E.20.900 HANDICAP PRINC M.2000 (Trio)
Cavallo Fantino Peso Gabbia R.Scud.
1) KENZOSIM N. PINNA 61 2
2) DEEPER DIVE (P) ANT. FRESU 60 7
3) KODI DREAM C.COLOMBI 58 6
4) BHARUCH (P) S. DIANA 57.5 5
5) SOTSURA (P) D. VARGIU 56.5 3
6) SIGNOR NILSON C.DEMURO 55.5 1
7) ABSOLUTE SILENCE (P) S. SULAS 54.5 4
8) NOTTURNO LIGURE (P) D. DI TOCCO (A) 54 8
9) RADDAD M. PORCU 52 9
10) BOULE DE NOEL (P) G.ERCEGOVIC 51 1

Corsa : 4) IV-17.45-PR. MAURO SBARIGIA E.42.900 LISTED M.1600 (Trio)
Cavallo Fantino Peso Gabbia R.Scud.
1) ATTIMO FUGGENTE G. MOSSE' 55 6
2) BADRAM F. BRANCA 55 9
3) CASTELLAZZO C. FIOCCHI 55 7
4) COCCOLOBA D. DI TOCCO (A) 55 3
5) COOL AND DRY (P) D. VARGIU 55 4
6) LUIGI PIRANDELLO C.COLOMBI 55 2
7) ROYAL WEDDING (P) C. DI NAPOLI 53.5 8
8) SECURITY REASON C.DEMURO 55 5
9) SPIRIT NOIR ANT. FRESU 55 1

Corsa : 5) V-18.15-PR. PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA E.202.400 GRUPPO 2 M.1800 (Trio)
Cavallo Fantino Peso Gabbia R.Scud.
1) FROZEN JUKE L.DETTORI 58 8
2) LAPULCED'ACQUA G. MOSSE' 56.5 4
3) MISSION BOY C. FIOCCHI 58 1
4) OUT OF TIME D. VARGIU 58 3
5) PARTY GOER (P) ANT. FRESU 56.5 5
6) PENSIERO D'AMORE F. BRANCA 58 6
7) PRESLEY C.DEMURO 58 7
8) THUNDERMAN S. SULAS 58 2

Corsa : 6) VI-18.50-PR. TUDINI E.71.500 GRUPPO 3 M.1200 (Tris)
Cavallo Fantino Peso Gabbia R.Scud.
1) AIR COMFORT G. MOSSE' 54.5 9
2) ATACAMA L.DETTORI 55.5 1
3) BAYKA S. DIANA 54.5 8
4) BUONASERA M. SANNA J. 55.5 1
5) I AM WHAT I AM C. FIOCCHI 57 1
6) ITS THE ONLY WAY L.MANIEZZI 57 2
7) LOVE EMPEROR G.SANNA 57 3
8) SICULI S.MULAS 57 4
9) THE CONQUEROR F. BRANCA 57 6
10) TRUST YOU (P) ANT. FRESU 57 5
11) VISIONS C.DEMURO 53 7

Corsa : 7) VII-19.20-PR. DOMENICO E SERGIO ARNALDI E.12.000 HANDICAP AD IN M.2400 (Tris)
Cavallo Fantino Peso Gabbia R.Scud.
1) ALLIMAC NON PARTENTE 74.5 1
2) DESTINATION AQLAAM A. CARRASSI DEL VIL 74.5 2
3) NABBEYL A. FERRAMOSCA 72.5 9
4) GARDEN OF EDEN RI. BELLUCO 73.5 1
5) QOOL AL. BERTON 73.5 7
6) SIANG V. TAVAZZANI 71.5 3
7) MALIBU ROAN AN. CROCICCHIA 69 5
8) JAZZ LADY J. SPAMPATTI 67 8
9) LADY MEDEA D. POGGI 67 1
10) MEDICI MUSICIAN GA. DI GENNARO 67 1
11) NOBIZLIKETHISBIZ A. LUPINACCI 67 1
12) SHADOW ROCK (P) L. FORLINI 67 1
13) ZOLLIKON (P) ELIA. ROSSI 67 4

Corsa : 8) VIII-20.00-PR. 137 DERBY ITALIANO UN.CAMPO E.704.000 GRUPPO 2 M.2200 (Tris)
Cavallo Fantino Peso Gabbia R.Scud.
1) ALDRODOVAR ANT. FRESU 58 1
2) AURELIUS IN LOVE S.MULAS 58 8
3) BAPTISM D. VARGIU 58 1
4) CASALE BOTTONE G.P. FOIS 58 2
5) CIMA EMERGENCY G. MOSSE' 58 7
6) CLARENZIO FAN C.DEMURO 58 6
7) KING'S CAPER L.DETTORI 58 5
8) MASTERWIN C.COLOMBI 58 9
9) PAPA POWER F. BRANCA 58 1
10) ROAD TO ARC S. DIANA 58 3
11) SPIRITUAL SON S.BASILE 58 1
12) TUSCAN GAZE C. FIOCCHI 58 1
13) VOICES FROM WAR S. SULAS 58 4

Corsa : 9) IX-20.35-PR. ALESSANDRO PERRONE E.44.000 LISTED M.1100 (Trio)
Cavallo Fantino Peso Gabbia R.Scud.
1) FONTAINE D'ARGENT G. MOSSE' 55 2
2) HAVANA LOVE D. VARGIU 55 6
3) PUERTO PRINCESA ANT. FRESU 55 7
4) QUEEN AURORA S.MULAS 55 4
5) RAINBOW DASH S.BASILE 55 3
6) SA PALA UMBROSSA G.SANNA 55 8
7) SILVIA DANCER C.COLOMBI 55 5
8) WAKANAKA N. PINNA 56 1

Corsa : 10) X-21.15-PR. TROFEO AMAZZONI AGRI DERBY D E.12.000 HANDICAP A INV M.1600 (Tris)
Cavallo Fantino Peso Gabbia R.Scud.
1) AHLAN BIL ZAIN DE. FIORETTI 70.5 6
2) CRACKING ART V. TAVAZZANI 70 8
3) BOLD SHOW (P) E. POEHL 68.5 1
4) INFINITY FOCUS C. ORLANDI 68 2
5) MUNTHANY J. SPAMPATTI 65 3
6) MAITRE RENARD C. FANTINI 63.5 9
7) HORTOS A. QUAJO 62 4
8) MERNICCO M. PAMMOLLI 61.5 5
9) PELLICANO JOE M. DELLA PIETRA 61 7
10) DEAR GRAMPS (P) A. LUPINACCI 60 1
Tutti vogliono la verità ma nessuno regge la sincerità
Avatar utente
pierre
Skilled FFA
Skilled FFA
Messaggi: 344
Iscritto il: 30/05/2020, 15:41

Re: ROMA - PREMIO 137 DERBY ITALIANO

Messaggio da pierre »

IL libretto della giornata di corse
https://www.capannelleippodromo.it/wp-c ... 072020.pdf

Alcune idee
16,00 Premio Capannelle (HP) 3+ m.1600 p.grande
11 Armageddon V/P

16,30 Premio Carlo d’Alessio (GR3) 4+ m.2400 p.Derby
1 Azzurro Cobalto

17,05 Premio Enzio e Tullio Mei (HP) 3+ m.2000 p.grande
7 ABSOLUTE SILENCE

17,45 Premio Mauro Sbarigia (LR) 3 m.1600 p.grande
2 Badram

18,15 Premio Presidente della Repubblica (GR2) 4+ m.1800 p.grande
4 Out of Time ....

18,50 Premio Tudini (GR3) 3+ m.1200 p.dritta
2 Atacama anche se il favorito per se ritirna alla sua stamina vale forse alla pari ..

19,20 Premio Domenico e Sergio Arnaldi (hcap gr & amaz) 4+ m.2400 p.derby
6 SIANG

20,00 137^ Derby Italiano (GR2) 3 m.2200 p.grande
9 Papa Power ha linee importanti
la linea di Baptism (con grande forma) e 7 King's Paper che scende con poca forma da UK (L.DettoriM.Johnston)

20,35 Premio Alessandro Perrone (LR) F2 m.1100 p.dritta
Dovrebbe essere un match 8 -2 la prima che ha stecco favorevole ma ha corse benisimo frequentemente

21,15 Trofeo Amazzoni Agri Derby (hcap amazz.) 4+ m.1600 AW
1 AHLAN BIL ZAIN ultima devastante ....ma forse 7 HORTOS

Buona domenica a tutti
Tutti vogliono la verità ma nessuno regge la sincerità
Avatar utente
prato
Experienced FFA
Experienced FFA
Messaggi: 992
Iscritto il: 31/05/2020, 14:57

Re: ROMA - PREMIO 137 DERBY ITALIANO

Messaggio da prato »

704000 euro per un Derby ridotto così @onion7@
mariosettantadue
Seasoned FFA
Seasoned FFA
Messaggi: 719
Iscritto il: 08/06/2020, 14:17

Re: ROMA - PREMIO 137 DERBY ITALIANO

Messaggio da mariosettantadue »

Interviste a meno di 1 metro, baci, abbracci, strette di mani ....
Mascherine .... al "Chi le ha viste !"
:clap: :clap: :clap:
Avatar utente
pierre
Skilled FFA
Skilled FFA
Messaggi: 344
Iscritto il: 30/05/2020, 15:41

Re: ROMA - PREMIO 137 DERBY ITALIANO

Messaggio da pierre »

Sarebbe ora
Tutti vogliono la verità ma nessuno regge la sincerità
Avatar utente
prato
Experienced FFA
Experienced FFA
Messaggi: 992
Iscritto il: 31/05/2020, 14:57

Re: ROMA - PREMIO 137 DERBY ITALIANO

Messaggio da prato »

Per fortuna ha vinto un Galileo
Avatar utente
pierre
Skilled FFA
Skilled FFA
Messaggi: 344
Iscritto il: 30/05/2020, 15:41

Re: ROMA - PREMIO 137 DERBY ITALIANO

Messaggio da pierre »

Tutti vogliono la verità ma nessuno regge la sincerità
Avatar utente
pierre
Skilled FFA
Skilled FFA
Messaggi: 344
Iscritto il: 30/05/2020, 15:41

Re: ROMA - PREMIO 137 DERBY ITALIANO

Messaggio da pierre »

Perdere con Frankye in sella a 7 contro 1 ... @onion7@
Tutti vogliono la verità ma nessuno regge la sincerità
Avatar utente
prato
Experienced FFA
Experienced FFA
Messaggi: 992
Iscritto il: 31/05/2020, 14:57

Re: ROMA - PREMIO 137 DERBY ITALIANO

Messaggio da prato »

pierre ha scritto: 13/07/2020, 11:26 Perdere con Frankye in sella a 7 contro 1 ... @onion7@
Hai tutta la mia solidarietà :-D . Comunque Frankye é Frankye ma Carletto, quando vuole ;) , é tremendo
Avatar utente
prato
Experienced FFA
Experienced FFA
Messaggi: 992
Iscritto il: 31/05/2020, 14:57

Re: ROMA - PREMIO 137 DERBY ITALIANO

Messaggio da prato »

Posto questo articolo perché mi pare interessante

"Va bene che la data non era quella canonica, ma non è lunedì post-Derby senza il consueto pagellone!"

Tuscan Gaze voto 9,5.
Ci voleva un Super Tuscan – per i meno addentro, così vengono appellati alcuni vini rossi particolarmente nobili, come ad esempio il celeberrimo Sassicaia – per riportare il Derby Italiano più particolare della storia (ne parleremo in seguito).
Questo Tuscan (Gaze) ha però fugato ogni dubbio al primo assaggio (i rimandi al vinotuscan gaze derby 2020 sono voluti…) con il suolo Italiano. Il figlio di Galileo, i Derby sono sua riserva di caccia esclusiva, ha mostrato quanto di buono il team Bietolini aveva visto in lui e che ha convinto la nuova connection della Mag Horse Racing a firmare un cospicuo assegno per portarlo in Italia, dalle scuderie di un genio come Gosden.
Tutti questi attori si meritano un bel 10 che va al di là del ragionamento prettamente tecnico sulla capacità mostrata nella iniziativa, ma che vuole premiare una scelta coraggiosa in pieno spirito ippico.
Da quanto non vedevamo acquisti esteri fatti appositamente per trionfare nella prova faro nostrana? La vittoria alla fine è la classica e buonissima ciliegina.
Tornando all’aspetto puramente tecnico, il finale fantastico rende il giusto merito a un cavallo che per via della gabbia esterna non ha avuto un percorso facile.
Permetteteci un plauso particolare all’interprete di Tuscan Gaze, Carletto Fiocchi (voto 9,5). Se lo merita, si è rifatto con gli interessi di quanto perso lo scorso anno. E se con Mission qualche colpa poteva averla avuta, con Tuscan è innegabile che abbia fatto un pezzo di bravura riuscendo a portare subito a ridosso dei primi il suo campione e poi nel finale a dargli la giusta spinta per battere di un muso un coriaceo King’s Caper (voto 8) con un certo Frankie Dettori in sella. Insomma una prova da raccontare ai nipotini (video QUI).
Buona anche la prova di Masterwin (voto 7,5) che grazie a una bel finale ha ottenuto l’ultimo gradino del podio su Baptism (voto 7) e che forse con una corsa differente poteva sperare anche in qualcosa in più.
Per Tuscan Gaze la carriera continua dunque da imbattuto dopo 3 prove ed è possibile che si aprano scenari transalpini sfruttando la presenza di Gianluca Bietolini in terra francese.

Racing Post e sistema dei rating voto 3.
Quale che sia il ragionamento che ha portato i tecnici inglesi a dare solo 100 al vincitore del Derby e al suo secondo è un ragionamento sbagliato.
Sbagliato perché deprime oltre ogni reale motivazione lo sforzo fatto da tutti gli attori della filiera, sbagliato perché non è possibile valutare così poco un cavallo che ha solo 3 prove e tutte vinte in carriera.
Sbagliato ancora, perché ci pare nasca da un pregiudizio sulle nostre corse, che magari non è neppure sempre sbagliato, soprattutto nelle prove per anziani, ma che non ha ragion d’essere se l’obiettivo è di dare una valutazione oggettiva e non una valutazione punitiva a prescindere.
Magari Tuscan farà molto bene in futuro all’estero e il suo valore si alzerà, ma capite che si alzerà solo e soltanto perché avrà vinto all’estero dove di default ogni corsa è migliore, ma lo è davvero? Sono davvero sempre, ripeto sempre, meglio le corse estere? Anche quelle dove ci sono allenatori che mettono in campo l’80% dei partenti e vince quello a quota più elevata e dove il favorito finisce appratato?
Scusate lo sfogo, ma questo sistema di valutazione è concettualmente SBAGLIATO e non smetteremo mai di dirlo!
Finché non passerà il messaggio che ogni Nazione deve avere un numero minimo di prove, nella nostra ippica odierna potrebbero essere 1 o 2 al massimo, che mantengano il loro massimo status, indipendentemente dal valore dei protagonisti che ci corrono annualmente, non ne usciremo mai.
thunderman repubblica 2020Ovvio che gli organizzatori di tali prove debbano garantire una dotazione e un supporto logistico e promozionale adeguato, se così fosse non capiamo perché non si possa andare oltre un sistema che troppo spesso garantisce unicamente le grandi Nazioni ippiche ai danni delle piccole, spesso sorpassando meriti e demeriti del campo.
Certo servirebbero personaggi nuovi e spendibili per poter far passare in sede europea concetti così innovativi…

Thunderman voto 8.
Il Repubblica che non ti aspetti. Tutti attendevamo il compagno Out Of Time e invece è uscito lui, il figlio di Blu Air Force (100%ITY), che ha prima seguito Presley e poi al suo flettere si è avvantaggiato della buona posizione e ha difeso con i denti la vittoria da Pensiero D’Amore (voto 7,5) e Lapulced’acqua (voto 7,5) (video QUI).
Edizione particolare non c’è dubbio e che dimostra come non sia la distanza, in questo caso i 1800 metri di Capannelle, a far scendere o meno gli invader, quanto piuttosto il pregio percepito della corsa.
Anche qui, aiuterebbe avere una strategia concreta per difendere tutto il nostro percorso selettivo e non soltanto cercare di tappare i buchi che annualmente si presentano.
Nell’attesa di tutto ciò, facciamo i complimenti a Salvatore Sulas e al Giglio Sardo che dimostranothe conqueror tudini 2020 come la passione porti alle vittorie più sorprendenti.

The Conqueror voto 8.
Il conquistatore è tornato e non ha lasciato scampo nel Tudini.
Con un ispirato Branca in sella, il figlio di Excelebration ha dominato lo sprint senza mai dare la possibilità agli avversari di potere neppure sperare in una sua debacle. Nella corsa “degli altri” buon secondo Siculi su Air Comfort.
Una dimostrazione di forza di The Conqueror che merita senza dubbio un tentativo estero, siamo certi saprà farsi valere.
Bravo il team Botti a recuperare subito dal precedente mezzo passo falso e presentare al massimo l’alfiere della New Age (famiglia Villa) che timbra un ennesimo successo in un Derby Day (video QUI).

Walderbe voto 8.
Bravo il tedesco e brava la sua interprete, la jockette Mickaelle Michel.
Hanno svolto nella maniera migliore il loro compito e non è certo colpa loro se sulla distanza classica in Italia tra gli anziani esistano pochissimi soggetti.
Fortuna che Time Shanakill (voto 7) ha deciso di intraprendere la campagna primaverile qui da noi e che Pretending (6,5) sia sempre un osso duro anche se su coccoloba sbarigia 2020distanza per lui breve (video QUI).
Per il resto ringraziamo chi continua a massacrare le prove su distanza classica e superiore così da rendere poco utile per le scuderie avere soggetti per queste corse. Congratulazioni, se il vostro intento è distruggere l’ippica di livello siete sulla buona strada.

Coccoloba voto 7.
Lo Sbarigia ha riportato alla ribalta questo figlio di Desert Prince (100%ITY, ancora…) alla sua seconda affermazione in Listed e che a dire la verità ha toppato solo nel Gardone. Molto bello il finale con il compagno di allenamento Cool And Dry e con Badram. Come nobilitare una corsa che porta il nome di un protagonista ippico del recente passato.

Wakanaka voto 7+.
Quando vinci la tua seconda Listed nel giro di due settimane e lo fai con uno scatto finale e un tuffo vincente, il 7+ è tuo di diritto.
Bravo Nicola Pinna che si dimostra sempre una sicurezza in questi contesti e soprattutto ottimo il team Dettori che dimostra sempre di presentare nella giusta condizione i suoi effettivi. Questa femmina da Power si sta rilevando davvero un osso durissimo per tutti, ieri a testarne la grinta è stata Havana Love che pensava di poterla portare a casa e invece si deve accontentare di un secondo davanti a Puerto Princesa.

Antonio Viani@DerbyWinnerblog
Avatar utente
pierre
Skilled FFA
Skilled FFA
Messaggi: 344
Iscritto il: 30/05/2020, 15:41

Re: ROMA - PREMIO 137 DERBY ITALIANO

Messaggio da pierre »

Racing Post e sistema dei rating voto 3.
Quale che sia il ragionamento che ha portato i tecnici inglesi a dare solo 100 al vincitore del Derby e al suo secondo è un ragionamento sbagliato.
Sbagliato perché deprime oltre ogni reale motivazione lo sforzo fatto da tutti gli attori della filiera, sbagliato perché non è possibile valutare così poco un cavallo che ha solo 3 prove e tutte vinte in carriera.
Sbagliato ancora, perché ci pare nasca da un pregiudizio sulle nostre corse, che magari non è neppure sempre sbagliato, soprattutto nelle prove per anziani, ma che non ha ragion d’essere se l’obiettivo è di dare una valutazione oggettiva e non una valutazione punitiva a prescindere.
Magari Tuscan farà molto bene in futuro all’estero e il suo valore si alzerà, ma capite che si alzerà solo e soltanto perché avrà vinto all’estero dove di default ogni corsa è migliore, ma lo è davvero? Sono davvero sempre, ripeto sempre, meglio le corse estere? Anche quelle dove ci sono allenatori che mettono in campo l’80% dei partenti e vince quello a quota più elevata e dove il favorito finisce appratato?
Scusate lo sfogo, ma questo sistema di valutazione è concettualmente SBAGLIATO e non smetteremo mai di dirlo!
Finché non passerà il messaggio che ogni Nazione deve avere un numero minimo di prove, nella nostra ippica odierna potrebbero essere 1 o 2 al massimo, che mantengano il loro massimo status, indipendentemente dal valore dei protagonisti che ci corrono annualmente, non ne usciremo mai.
Ottimo articolo e devo dire che il rating vale quello che vale ..sono in contatto con il vecchio (si fà per dire DAVID) ma di ippica .... adesso gli posto l'articolo e vediamo se ha voglia di intervenire
Tutti vogliono la verità ma nessuno regge la sincerità
Avatar utente
prato
Experienced FFA
Experienced FFA
Messaggi: 992
Iscritto il: 31/05/2020, 14:57

Re: ROMA - PREMIO 137 DERBY ITALIANO

Messaggio da prato »

pierre ha scritto: 13/07/2020, 17:29
Racing Post e sistema dei rating voto 3.
Quale che sia il ragionamento che ha portato i tecnici inglesi a dare solo 100 al vincitore del Derby e al suo secondo è un ragionamento sbagliato.
Sbagliato perché deprime oltre ogni reale motivazione lo sforzo fatto da tutti gli attori della filiera, sbagliato perché non è possibile valutare così poco un cavallo che ha solo 3 prove e tutte vinte in carriera.
Sbagliato ancora, perché ci pare nasca da un pregiudizio sulle nostre corse, che magari non è neppure sempre sbagliato, soprattutto nelle prove per anziani, ma che non ha ragion d’essere se l’obiettivo è di dare una valutazione oggettiva e non una valutazione punitiva a prescindere.
Magari Tuscan farà molto bene in futuro all’estero e il suo valore si alzerà, ma capite che si alzerà solo e soltanto perché avrà vinto all’estero dove di default ogni corsa è migliore, ma lo è davvero? Sono davvero sempre, ripeto sempre, meglio le corse estere? Anche quelle dove ci sono allenatori che mettono in campo l’80% dei partenti e vince quello a quota più elevata e dove il favorito finisce appratato?
Scusate lo sfogo, ma questo sistema di valutazione è concettualmente SBAGLIATO e non smetteremo mai di dirlo!
Finché non passerà il messaggio che ogni Nazione deve avere un numero minimo di prove, nella nostra ippica odierna potrebbero essere 1 o 2 al massimo, che mantengano il loro massimo status, indipendentemente dal valore dei protagonisti che ci corrono annualmente, non ne usciremo mai.
Ottimo articolo e devo dire che il rating vale quello che vale ..sono in contatto con il vecchio (si fà per dire DAVID) ma di ippica .... adesso gli posto l'articolo e vediamo se ha voglia di intervenire
Se ben ricordo ai tempi di Chorse con David ho avuto qualche piccolo battibecco non essendo, contrariamente a lui, un amante del rating, ma é indubbiamente un grande esperto di galoppo :thumbup:
Avatar utente
Blackhorse
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 182
Iscritto il: 30/05/2020, 15:13

Re: ROMA - PREMIO 137 DERBY ITALIANO

Messaggio da Blackhorse »

GRAN FINALE ALLE CAPANNELLE. DERBY DAY, DIECI CORSE
ENTUSIASMANTE, OLTRE 100 PARTENTI. IL DERBY SARA’ TQQ
La Pandemia che ormai tutti ben conosciamo, nel mondo dell’Ippica ha prodotto tutta una serie di
effetti, di cambiamenti di calendari, di ritardi, insomma una serie infinita di preoccupazioni e di
problemi ma pian piano, grazie al senso enorme di resilienza del mondo ippico, le cose sono tornate
a posto. Quando a marzo tutto si fermò la sensazione fu terribile, era anche legittimo immaginare
che forse il settore non si sarebbe più ripreso. A fine maggio finalmente, a porte chiuse, le corse sono
ricominciate ma mai il mondo ippico si era realmente fermato. Sempre negli allevamenti e nei centri
di allenamento, negli ippodromi la vita era continuata in attesa del grande giorno del nuovo inizio.
Come dopo un diluvio quasi universale. Non soltanto le corse sono ricominciate ma anche lo scopo
principale, unico per cui esistono ovvero la selezione, ha ripreso il suo posto principale. È stato,
nel galoppo, ridisegnato il calendario e tutto quello che sarebbe dovuto accadere tra marzo e inizio
giugno si è deciso di metterlo in scena, con grande concentrazione di sforzi, tra l’inizio di giugno e il
12 di luglio. In quel mese appena abbondante, tra Milano e Roma si è consumata la grande stagione
2020 della selezione. Capannelle ha vissuto le sue due classiche per i tre anni sul miglio (Elena e
Parioli), Milano ha risposto con la grande giornata del Milano e quella delle Oaks.
Questa domenica finalmente ci apprestiamo a vivere il Derby Day, la giornata di corse più importante di tutto il calendario italiano, una festa con oltre 100 partenti nelle dieci corse in programma,
la prima alle 16 e l’ultima alle 21,15. Alla fine della quale ogni vero autentico ippico potrà dire: missione compiuta. È l’ennesima meravigliosa dimostrazione della resilienza, della capacità di reagire, di
risorgere anche da ceneri che il nostro mondo avrà dimostrato di possedere. Proprio come sosteneva Gustav Mahler, l’Ippica non ha chinato il capo limitandosi a fare la guardia alle proprie ceneri
ma ha saputo alimentare il fuoco sacro della passione e della voglia di recitare sempre ed ancora un
ruolo da protagonista. In testa a tutti Capannelle che prima ha consentito che nulla, nel periodo di
blocco, impedisse il regolare allenamento dei cavalli e successivamente ne ha gestito il loro ritorno al
vero autentico agonismo sulle proprie piste.
Viviamo il Derby Day di luglio come un premio, come l’onore concesso al grande ippodromo di
concludere la stagione della rinascita ed insieme iniziare la successiva. Due secoli e mezzo sono
trascorsi ormai dal giorno in cui Mr Stanley, dodicesimo Conte di Derby con l’aiuto imprescindibile
della moglie Lady Hamilton e del prezioso Lord Bunbury, misero in pista i protagonisti della prima
edizione della madre di tutte le corse: il Derby che prese il nome da uno degli ideatori che mise
anche in dote i terreni che adesso sono nella storia. La piana di Epsom nel Surrey a giusta distanza
da Londra. Un secolo dopo, circa, alle Capannelle nella primavera del 1884 Andreina vinse il primo
Derby Italiano con le stesse regole di ingaggio di quello inglese che per tantissimo sono state universali in ogni parte del globo: 2400 metri di distanza e solo cavalli di tre anni in pista. La vera magia
era proprio questa: puoi correre il Derby solo una volta e mai più. Le grandi prove di selezione
assoluta sono date dai confronti intergenerazionali ma il Derby è unico e per questo è assolutamente
in cima al desiderio di ogni operatore ippico. Ogni nazione ha il suo Derby, non solo: è tale l’importanza ed il significato universale che il termine ha acquisito (testimonianza dell’importanza assoluta
dell’ippica nello sviluppo del costume, della società e della cultura) che ormai va bel aldilà del suo
mondo di origine ed ovunque Derby è sinonimo di momento di sfida di assoluta eccellenza in ogni
campo non solo sportivo. È Derby ogni scontro fondamentale, nel calcio, in ogni sport, nella cultura, nella politica, nel costume. Tutto nasce da una corsa di cavalli e dalla sua straordinaria importanza. Un rito che domenica si rinnoverà ancora una volta (prima volta in luglio).
Derby Day è festa, il pubblico non può mancare e ci sarà, la stagione imporrà orari diversi, inizio a
metà pomeriggio fine delle corse quando il sole avrà deciso di andare a dormire ed allora lo faranno,
con calma, anche gli appassionati dopo aver speso altro tempo per i necessari commenti alle corse
alle quali avranno assistito in una cornice sempre unica e fascinosa come solo Capannelle sa essere
con lo sfondo naturale dei castelli e della campagna come 140 anni or sono.
Nel Nastro Azzurro Università Campus Biomedico saranno in campo in 13 e senza scaramanzia.
Due saranno gli ospiti esteri anche di proprietà, si tratta di Papa Power e King’s Caper dai limiti
non ancora dimensionati ma dai precedenti interessanti che li rendono estremamente pericolosi
come il neo acquisto italiano Tuscan Gaze dalla preclara origine e con il fascino dell’imbattuto. Altra
origine importante quella di Baptism, anche lui acquistato in Inghilterra ma a ottobre e sbocciato al
meglio da noi laureandosi nel Botticelli davanti a Spiritual Son che aveva seguito anche il debuttante
Road to Arc nel San Giuseppe mentre il Filiberto milanese ci consegna tre protagonisti vale a dire
Masterwin, Aurelius in Love e Aldrodrovar. Il fascino assoluto è rappresentato da Cima Emergency
che vuole il doppio di gran classe Parioli – Derby negli ultimi 55 anni riuscito solo a Bonconte di
Montefeltro e Worthadd. Ecco in campo anche il progredito Clarenzio Fan insieme a Casal Bottone
e Voices From War. Sarà spettacolo.
Non solo Derby (2200 metri da alcune stagioni) ovviamente ma ben dieci corse con oltre 100 partenti come in questo mese lungo e prolungato è diventata consuetudine alle Capannelle. Due volte
sarà utilizzata la pista dritta, ben sette la selettiva pista grande ed una a concludere quella all weather
mentre le distanze andranno da 1100 a 2400 metri. Quattro le pattern, due le listed, due gli HP e due
le corse per gentlemen e amazzoni.
Il controcanto primario spetta al Presidente della Repubblica Boutique Legale e Professionale sui
1800, una delle corse faro della primavera (in tempi normali) romana, che ci regala una ottima
edizione grazie alla presenza di otto protagonisti alcuni dei quali il meglio dei nostri rappresentanti
come ad esempio Out of Time che sarà il cavallo da battere, accompagnato da Thunderman con
chance propria, per Mission Boy, Presley e Frozen Juke in prima battuta ma con agguerriti anche
Pensiero D’Amore, La Pulce D’acqua e Party Goer.
Il Carlo D’Alessio sui 2400 metri in questa stagione diventa momento conclusivo per gli specialisti
classici (ricorda un gigante assoluto del Turf mondiale, capace di vincere due volte consecutivamente le Ghinee di Newmarket), saranno in pista 8 buoni cavalli come Azzurro Cobalto, Blu Navy Seal,
Bridge Jazzaraat, Fambrus, Frutireu, Pretending e gli ospiti Time Shanakill e Walderbe.
Il Tudini (una famiglia che compie 100 anni e quattro generazioni di ippici e di assoluta militanza)
per i flyer è pattern che sa regalare emozioni uniche in apnea sui 1200 metri, spettacolo assoluto
anche in questa edizione con al via 11 protagonisti tra i quali il meglio in circolazione tra i draghi
della velocità: Air Comfort, Atacama, Bayka, Buonasera, I Am What I Am, Its The Only Way, Love
Emperor, Siculi, The Conqueror, Trust You, Visions. Anche in questo caso grande spettacolo.
Il Mauro Sbarigia (indimenticabile cantore del turf) vede in campo per i tre anni che non hanno
vinto il Parioli ma sono ugualmente buoni, è listed di ottimo spessore grazie ad Attimo Fuggente,
Badram, Castellazzo, Cool and Dry, Cocoloba, Luigi Pirandello, Royal Wedding, Security Reason,
Spirit Noir.
Il Sandro Perrone (non solo direttore ed editore del Messaggero ma magnifico ippico a tutto tondo)
per le giovani femmine di due anni, è una prova dalla valenza tecnica consacrata nel tempo e lancia
sempre cavalle di notevole spessore. Questa volta la vincitrice uscirà dal gruppo composto da Fontaine d’Argent, Havana Love, Puerto Princesa, Queen Aurora, Raimbow Dash, Sa Pala Umbrossa,
Silvia Dancer e Wakanaka.
Quattro pattern, due listed ma non solo, ecco il Domenico e Sergio Arnaldi per i gentlemen e
le amazzoni (Sergio fu magistrale direttore di Unire e di Jockey Club), il Tullio ed Enzio Mei (il
primo direttore storico di Capannelle, il secondo meraviglioso e lungimirante presidente) corsa
di tradizione, confronto HP sui 2000 intergenerazionale. In più la corsa che celebra Capannelle
come ippodromo di Trotto, una realtà indiscutibile e fondamentale per l’ippica italiana e la
corsa riservata alle ladies, una idea vincente proprio di Enzo Mei.
Il Derby Day sarà tutto questo e molto altro (tradizione ma anche modernità) compreso il Tudini seconda tris e lo stesso Derby TQQ oppure la presenza di un gruppo di formidabili fantini,
ma l’edizione 2020 di questa giornata sarà, oltre appunto a tantissime altre cose, soprattutto la
grande ragione e dimostrazione della resilienza dell’ippica italiana proprio in un momento in
cui il nostro Trotto è sul tetto del mondo e dal galoppo arrivano meravigliose ed entusiasmanti
risposte nel segno di una tradizione universale iniziata da Signorinetta ad Epsom e proseguita
con i grandi trionfi di campioni come Ortello, Crapom, Nearco, Tenerani, Botticelli, Nuccio,
Ribot, Molvedo, Marguerite Vernaut , Prince Royal fino ai meravigliosi anni 70 di Bolkonski e
Grundy ed ai successi ben noti dei Campioni contemporanei e moderni fino alle prodezze di
Way To Paris, il candido straordinario campione!
Rispondi